venerdì 15 novembre 2013

Recensione "Il profumo del bosco" di Claudia Capitelli


 Titolo: "Il profumo del bosco"
Autrice: Claudia Capitelli
Casa editrice: Mgc
Pagine: 136
Prezzo: 16.00
TRAMA
Il profumo del bosco è il racconto di un incontro che lascia il segno. Pietro segue fedelmente la tecnica del ninja: farsi notare il meno possibile e agire in segreto. E ora lo aspetta una vacanza noiosa e a tratti insopportabile, insieme alla mamma e al suo nuovo compagno. Ma non ha calcolato gli imprevisti che il bosco può celare. Il racconto di tre giorni pieni di imprevisti, di persone da non dimenticare, di amicizie fatte di poche parole, ma che possono dare un barlume di speranza in cui riposare.

RECENSIONE 
Una storia semplice, composta da sentimenti, profumi e colori.
Il protagonista è un ragazzo di 18 anni molto attaccato alla madre che vorrebbe tenere tutta per sé, ma questo suo comportamento possessivo nasce dalla sparizione del padre.  Da quel momento Pietro è diventato il capofamiglia, il protettore della casa e della mamma e il fatto che nella sua vita compaia all'improvviso un rivale che porta scompiglio, che trasforma la donna rendendola irriconoscibile, lo spaventa perché ha paura di perdere il suo amore, ma anche perché quest'uomo rischia di prendere il posto di suo padre e non lo trova giusto.
Costretto ad andare in vacanza con l'uomo e suo madre, Pietro a un certo punto scoppia, perché non riesce più a sopportare che i ricordi tanto felici legati alla montagna vengano sostituiti da questa pessima scampagnata estiva, così si allontana e si perde.
L'autrice, alla sua prima opera, ha creato una storia breve, perché come dice lei non ama dilungarsi e attraverso essa ci parla della sua grande passione per la montagna, di quanto possa far bene e ciò ci viene trasmesso tramite la storia e il personaggio di Pietro.
Egli all'inizio è un ninja che si mimetizza con l'ambiente, che tiene dentro la sua rabbia e non si fa valere, ma nel momento in cui si perde nel bosco e viene accolto da alcuni abitanti del posto in lui avviene la trasformazione e da adolescente invisibile diventa un lottatore.
Grazie al silenzio della natura, ai suoi colori, ai suoi profumi, ai nuovi amici che gli insegneranno anche trattare con amore, con delicatezza ciò che lo circonda, Pietro subirà una crescita interiore.
La parte che mi ha lasciata davvero spiazzata è stata la fine, perché il modo in cui si conclude questo racconto è davvero sorprendente.
Unica nota negativa: il prezzo, troppo alto per il numero di pagine.
"Il profumo del bosco" è un omaggio alla montagna da parte dell'autrice.

L'AUTRICE
Claudia Capitelli ha ventun anni, un pianoforte che vorrebbe ricominciare a suonare e una passione irrefrenabile per la montagna e per tutto ciò che la riguarda.
 

Nessun commento:

Posta un commento