domenica 12 maggio 2013

Recensione "A scuola con portamento" di Antonella Sgueglia


Titolo: "A scuola con portamento"
Autrice: Antonella Sgueglia
Casa editrice: Montecovello
Pagine: 126
Prezzo: 10.00
TRAMA
"A scuola con portamento" è un romanzo di narrativa per ragazze che ha come protagonista Cri, un'adolescente di 14 anni alle prese con un momento alquanto delicato della sua vita. I suoi genitori sono separati e lei vive con la madre. Cri è una mixed race, nata da madre italiana e padre haitiano; il colore della sua pelle è scuro e non sa come valorizzarsi, essendo tanto diversa dalla madre. Non solo, le ragazze più popolari della scuola la prendono in giro e Cri non sa come ribellarsi. Ha soltanto un'amica, Gio, ma non le basta. Per caso, nota che un'agenzia di moda della sua città è alla ricerca di nuovi volti e decide, accompagnata dalla madre, di partecipare. Superata la selezione, Cri frequenta un corso di portamento, trucco, posa fotografica e bon ton che rappresenta l'inizio del suo cambiamento. Da ragazza insicura e timida riesce ad esternare il suo mondo interiore.

RECENSIONE
Un romanzo, che è anche una guida, per chi si trova nel periodo in cui si cerca la propria identità, il corpo comincia a trasformarsi e le sfide diventano più difficili.
Antonella è riuscita a creare una storia molto carina e coinvolgente, inserendo anche dei preziosi consigli riguardanti il trucco, bon ton, portamento, ma anche consigli per rafforzare il proprio carattere, che in una guida sarebbero risultati noiosi per ragazze di 12-13 anni e che invece qui vengono presentati durante la vicenda, in maniera semplice e inerenti alla situazione.
Leggendo "A scuola con portamento" ho imparato anch'io alcune regole di trucco, bon ton e del mondo delle sfilate che non conoscevo e ho provato rabbia per il modo in cui viene trattata  la protagonista Cri dalle sue compagne di classe, perché sono persone in cui mi sono imbattuta anch'io durante la crescita.
Credo che molte ragazzine si ritroveranno nelle situazioni descritte da Cri ed è per questo che il libro appassiona il lettore quasi immediatamente, perché racconta di un momento, di una tappa obbligata, in cui passa ogni persona.
La scrittrice usa un linguaggio semplice, adatto agli adolescenti, in grado di emozionare e di dare dritte utili.
Un libro consigliato a tutte le giovani donne, per imparare ad amarsi, ad accettarsi, a valorizzarsi e a saper affrontare positivamente le malelingue.


L'AUTRICE
Antonella Sgueglia nasce a Napoli il 26 Febbraio 1985.
Laureanda in Lingue e letterature straniere, studia tecniche di scrittura, editing e correzione bozze.
Diplomata all'accademia di moda della sua città, ha frequentato corsi di recitazione, dizione, musica e coreografia presso i migliori teatri napoletani.
Dal 2008 è traduttrice freelance di lingua inglese per un ente di certificazione internazionale, soprattutto si occupa di testi tecnici e manuali.
Nel 2012 pubblica la poesia "Seppur nascessi cento volte" nell'antologia "Verrà il mattino e avrà un tuo verso, X edizione" curata da Aletti editore che porta il nome del concorso indetto.
Nel 2013 pubblica "Dove osano le farfalle" (EMV edizioni), romanzo di narrativa femminile.
Collabora con riviste letterarie e blog di informazione con cui condivide i suoi racconti, articoli e recensioni. Per contattarla, visitate il sito http://antonellasgueglia.altervista.org

4 commenti:

  1. vero, un libro molto carino!!!

    RispondiElimina
  2. Mi piace un sacco l'idea di questo libro. Lo leggerò al più presto :)

    RispondiElimina