domenica 5 maggio 2013

"La vita non dura un quarto d'ora" di William A. Prada

Ecco l'ultimo ebook che mi è arrivato questa settimana di cui vi accennavo poco fa nella rubrica "In my mailbox" :)


“Se una persona decide di scrivere a una persona che non c’è più, un motivo ci sarà”. 

Titolo: "La vita non dura un quarto d'ora"
Autore: William A. Prada
Casa editrice: Narcissus Self Publishing
Pagine: 20 circa
Prezzo: 0.99 (solo in ebook)
TRAMA
Con questa premessa si apre il nuovo libro di William A. Prada, che intende recuperare qualcosa dalle profondità del proprio passato. In fondo, perché le persone vogliono riscattare a tutti i costi certi momenti del passato? La risposta è semplice, ma quanti potrebbero quantificare materialmente queste mancanze? I più preferiscono straziarsi davanti a certi avvenimenti, per dire che tutto parte da qui, da questo presupposto, da queste frasi ad effetto che custodiscono sapientemente anche un piccolo fondo di verità apparente. L’autore, infatti, vuole deliziarvi con questo testo coraggioso, che sta tra la lettera scritta e la confidenza più intima. Nelle pagine che scorrono davanti agli occhi, si aprono spiragli, scenari che trovano le loro fondamenta all’interno di alcuni pensieri volanti, dove tutto è pervaso da un senso di magia, di ricordo, di paura e – perché no? – di amore più profondo. Dopotutto, la vita, per certi versi è come se fosse un camposanto di sentimenti e di emozioni che ruotano attorno a un infinito numero di parole da dire e da dirsi dopo la morte di chi rimane e di chi se ne va. Ma chi muore? Chi se ne va, anzi, chi rimane? Mentre tutto scorre così, fino all’immancabile finale a sorpresa. Un consiglio? Abbandonate ogni piccola teoria e ogni banale presupposto, e lasciatevi trasportare da questa piccola fiaba senza tempo.

L'AUTORE
William A. Prada nasce nel 1978 a Pavia, dove attualmente non vive. Nella sua vita è stato molte cose. Correttore, impaginatore, articolista, blogger, recensore, opinionista, intervistatore, redattore per svariate riviste cartacee e non. E adesso scrittore. “La vita non dura un quarto d’ora” è il suo primo “mini romanzo”.

Un piccolo libro, ma da quanto ho capito denso di emozioni.  
Presto conoscerete la mia opinione :)

Nessun commento:

Posta un commento