giovedì 18 aprile 2013

Recensione "Fondente come il cioccolato" di Megan Hart



Titolo: "Fondente come il cioccolato"
Autrice: Megan Hart
Casa editrice: Harlequin Mondadori
Pagine: 349
Prezzo: 9.90
TRAMA

L’ho incontrato in un negozio di dolciumi e lui ha fatto una battuta sul mio sacchetto di praline al cioccolato. Da allora non faccio altro che pensare a lui, sta diventando un’ossessione. Mi è capitato un sacco di volte di lasciarmi sedurre da uomini il cui unico pensiero era quello di fare sesso. Mi è capitato di andare a casa con loro, a volte, solo perché è piacevole desiderare ed essere desiderata, nonostante fossi consapevole che era tutta una finzione e che alla fine sarei stata delusa.
Io non mi scuso per chi sono o per cosa ho fatto a letto o fuori dal letto. Ho il mio lavoro, la mia casa e la mia vita, e per molto tempo non ho desiderato altro. Fino a Dan. Fino a ora.
Un romanzo intensamente erotico e, nello stesso tempo, di crescita personale. Un segreto dal passato contribuisce a rendere le pagine di questo libro intense e appassionate.


RECENSIONE
Una lettura che era partita con il piede sbagliato, perché le prime pagine mi avevano fatto credere di trovarmi di fronte a una storia molto erotica e volgare, ma questa brutta partenza è stata cancellata mano a mano che leggevo e che cominciavo a capire che in realtà c'era una vicenda più sostanziosa e più interessante.
La protagonista Elle ha un passato molto sofferto, che soffoca nell'alcool e con incontri intimi brevi, che la porta a non riuscire ad instaurare un vero rapporto d'amicizia; a vestirsi in bianco e nero e a contare tutto ciò che vede per avere tutto sotto controllo... ma l'incontro con Dan la farà fondere in un tutt'uno con lui e le farà sciogliere ogni rigidità, ogni suo blocco, attraverso un lento cammino che la porterà a vivere e non più a sopravvivere.
Elle grazie a Dan, smetterà di interpretare la fanciulla dei suoi racconti, che non ha mai bisogno di nessuno e prenderà il coraggio per affrontare i suoi incubi.
L'autrice nella prima parte del romanzo resta molto sull'aspetto carnale del rapporto tra i due, passando poi verso la metà più alla parte interiore, seguendo la trasformazione che subisce la protagonista.
E' un libro coinvolgente, che passa dall'essere superficiale a molto più profondo, in cui troviamo delle metafore e dei passaggi molto belli e Megan Hart ha avuto la capacità di creare molti personaggi che diventano quasi fin da subito interessanti, come l'amica di Elle, piena di vita e senza peli sulla lingua, che all'inizio sembra essere meno seria di Elle, ma che invece ha già le idee chiare su cosa volere dalla vita, solo che vuole farlo in maniera così gioiosa da farlo risultare al principio frivolo; o il figlio della sua vicina, Gavin, un adolescente con una situazione familiare tutt'altro che facile; e che dire della madre di Elle, che non ha mai una parola di conforto per la figlia, che la fa sentire sempre in colpa e in errore... ciascuno di loro arricchisce ancor di più il romanzo.
Il cioccolato nell'immagine va a formare una rosa, un elemento importante in questo racconto e fondente "come il cioccolato... ma secondo me è perfetta anche la definizione di fondente, che viene data nel settore metallurgico: sostanza che si aggiunge ai minerali durante la fusione per inglobare e fluidificare le scorie in modo da poterle separare dal bagno liquido di metallo ed eliminarle, perché il rapporto che si creerà tra i due protagonisti porterà pian piano a scovare le scorie, cioè i problemi, i blocchi di Elle e ad eliminarli affrontandoli.

L'AUTRICE


Ama scrivere storie che spaziano dal genere romantico all'erotico per arrivare al suspense. Ha ricevuto numerosi riconoscimenti e riscontra allo stesso tempo un grande successo tra il pubblico dei lettori.



4 commenti:

  1. Sicuramente, sapendo che è tutt'altro che un brutto libro, adesso lo leggerò :)

    RispondiElimina
  2. ciao! sul mio blog c'è un premio per te:
    http://locandalibri.blogspot.it/2013/04/premio-blogger-simpatico.html

    RispondiElimina
  3. l'ho letto e recensito. Mi è piaciuto :)

    RispondiElimina