mercoledì 3 aprile 2013

Recensione "Albion" di Bianca Marconero

Titolo: "Albion"
Autrice: Bianca Marconero
Casa editrice: Limited Edition Books
Pagine: 400
Prezzo: 14.90
TRAMA
Cresciuto senza madre, e dopo aver perduto il fratello maggiore – morto in circostanze misteriose –, nel giorno del funerale dell’amatissimo nonno, Marco Cinquedraghi riceve la notizia che gli cambierà la vita: deve lasciare Roma e partire per la Svizzera. È infatti giunto il momento di iscriversi all’Albion College, la scuola in cui, da sempre, si diplomano i membri della sua famiglia. 
Ma il blasonato collegio riserva molte sorprese. Tra duelli di spade e lezioni di filologia romanza, mistici poteri che riaffiorano e verità sepolte dal tempo che riemergono, Marco scoprirà il valore dell’amicizia e capirà che l’amore, quello vero, non si ottiene senza sacrificio. 
Nelle trame ordite dal più grande dei maghi e nell’eco di un amore indimenticabile si ridestano legami immortali, scritti nel sangue. Fino all’epilogo, tra le mura di un’antica abbazia, dove Marco conoscerà la strada che le stelle hanno in serbo per lui. Il destino di un re il cui nome è leggenda. 

RECENSIONE
Ho finito ormai da qualche giorno questo meraviglioso urban fantasy, ma ancora non riesco a formulare un pensiero che faccia capire quanto ho amato Albion e i suoi personaggi.
So solo che già ne sento la sua mancanza, come fosse un amico, proprio come dice Sweeney: "Capisci di aver letto un buon libro quando giri l'ultima pagina e ti senti come se avessi perso un amico".
Ma oggi cercherò comunque di esprimere il mio giudizio e ciò che ho provato.
La trama di Albion mi aveva incuriosito fin da subito, anche se non sono una grande amante delle storie medievali o di spade e duelli, e proprio per questo non mi aspettavo di leggere una storia così bella, che mi stupisse e che mi facesse amare ogni pagina.
L'incontro con Marco non è stato fin da subito positivo, perché sembrava un ragazzo arrogante, insensibile, e tutto ciò che mi causava era una gran rabbia, ma allo stesso tempo capivo anche che la colpa di quel suo comportamento era dovuto al modo in cui era stato cresciuto dal padre, così freddo, che aveva portato Marco a indossare una maschera, a non mostrare i suoi sentimenti, perché simbolo di debolezza e a comportarsi da duro per dimostrare tutto il suo valore.
Il sentimento verso Marco cambia completamente, dal momento in cui comincia a frequentare Lance e i ragazzi dell'ala est: Deacon, Eric ed Helena e tutti gli altri, perché è grazie a loro che verrà svelata la vera identità di Marco.
Deacon, Eric ed Helena sono borsisti ed essendo figli di genitori poveri, oltre a studiare devono anche prestare servizio all'interno del college, portandoli ad essere derisi dalla parte ricca del college e considerati come feccia da evitare. Ma loro invece di buttarsi giù, sono superiori e scoprirete man mano che leggerete, essere la parte migliore del college.
Pian piano ne diverrà consapevole anche Marco e farà di tutto per passare del tempo con loro, mettendo da parte le conseguenze che potrebbero derivare dal frequentare dei borsisti.  Grazie a loro scoprirà che cosa vuol dire essere amici veri e capirà anche qual è l'amore vero.
Oltre a questa parte davvero interessante, si aggiunge anche la parte fantasy, perché i nostri protagonisti possiedono delle capacità speciali e solamente arrivati alla fine capiremo perché,oltre ad essere delle persone speciali, hanno anche delle capacità fuori dal comune.
L'autrice ha scritto una storia emozionante, avvincente, derivante da un lavoro certosino, che passa attraverso un linguaggio tecnico, perché quando scrive di duelli o quando ci presenta un'ambientazione, non si limita a dire duelli con spade o un enorme castello, ma definisce il tipo di spada e ogni particolare, anche architettonico del college; ma anche dal fatto che lascia ampio spazio ad ogni personaggio, portando il lettore ad amarlo od odiarlo, e credetemi conoscerete tanti soggetti con cui combattereste volentieri per vederli sconfitti  e per far capir loro di abbassare le ali.
L'atmosfera medievale passa anche attraverso i titoli dei vari capitoli in cui viene usato un carattere che ricorda molto il Medioevo e non so... mi è sembrato di avere tra le mani una sorta di diario e mi è palesata   in testa "La storia infinita", in cui io impersono Atreiu, che si ritrova a vivere una storia spettacolare... l'effetto che ho provato è stato più o meno questo.
Mi auguro di poter rincontrare presto questi amici cartacei e all'autrice faccio un inchino, per dimostrarle tutto il mio apprezzamento e l'ammirazione che nutro nei suoi riguardi.

L'AUTRICE
Bianca Marconero, laureata in Lettere con lode, presentano una tesi su un poema cavalleresco in ottave, dal 2008 lavora come redattrice di riviste per teenagers, legate a popolari brand (Hello Kitty Magazine, Flor speciale come te, Paciocchini), pubblicate da GP Publishing, divisione editoriale di Giochi Preziosi. Nel 2012 ha ideato e scritto i testi di una serie di libri per la prima infanzia, editi da RTI Mediaset. 

6 commenti:

  1. *__* é piaciuto tanto anche a me e come te, dopo averlo finito, mi sono sentita un po' sola e un po' spaesata! Bella recensione :)

    RispondiElimina
  2. bella recensione uesto libro è già sul kindle appena finisco qualche (un pò di più di qualche) lo leggerò sicuramente!

    RispondiElimina
  3. grazie michts =) spero che piacerà tanto anche a te

    RispondiElimina
  4. Franci, bella recensione davvero. Ho amato così tanto questo libro che ogni volta che trovo una nuova recensione, mi fiondo a leggerla per capire cosa hanno provato i lettori di fronte a questo meraviglioso romanzo. Spero con tutto il cuore - soprattutto dopo aver fatto quattro chiacchiere con l'autrice - che questo libro avrà successo anche una volta uscito nelle librerie e che lo compreranno in tantissimi.

    RispondiElimina
  5. Grazie Alessia <3 Spero anch'io che venga amato da tantissimi lettori...io ho già fatto pubblicità alle mie amiche lettrici ;)

    RispondiElimina