martedì 9 ottobre 2012

Recensione "Dissonanze" di Massimo Junior D'Auria





Titolo: "Dissonanze"

Autore: Massimo Junior D'Auria
Casa editrice: Sogno Edizioni

Pagine: 146

Prezzo: 8.50

TRAMA:

In ogni esistenza c’è una lieve dissonanza pronta a esplodere con fragore, liberando il suo potenziale distruttivo…


RECENSIONE: 
Una serie di racconti brevi dove il buio predomina, nessuna illuminazione, ma una flebile luce si intravede... una luce che alcuni sapranno trasformare in faro, in altri verrà spenta o sarà oscurata di proposito e infine chi questa luce non riuscirà mai a vederla, perché è completamente avvolto dall'oscurità.
In queste storie l'autore si sofferma sui sentimenti e sul profilo psicologico dei personaggi, perché l'aspetto in questo caso è irrilevante, non ci interessa.
Leggendo già dalle prime righe si viene avvolti da una serie di emozioni contrastanti, che ci fanno amare in un primo momento il protagonista, per poi di colpo farci provare per lui disgusto o rabbia. Altre storie faranno rimanere il lettore imbambolato, in attesa di conoscere il finale, altre lo faranno commuovere e provare pietà e altre ancora lo porteranno ad uno stato di angoscia e di paura.
I racconti che mi hanno maggiormente colpito sono: "Incontro al bivio" dove il protagonista dovrà compiere una scelta di vitale importanza; "Quel verso a metà tra un ruggito e un barrito" dove purtroppo per racimolare qualche soldo in più, indispensabile per vivere, il nostro protagonista finirà in un orrenda situazione; "Scrivere" che è riuscito a farmi rimanere di sasso, perché cosa si è spinti a fare pur di realizzare un sogno; ed "E se dovessi morire?", dove la crudeltà d'animo verrà ripagata allo stesso modo, seguendo il detto Si raccoglie ciò che si semina.
Alcune storie hanno la loro conclusione, altre rimangono aperte e mi sarebbe piaciuto che fossero state continuate perché sono riuscite a lasciarmi molta curiosità.
Uno stile moderno, semplice e dalla capacità di trascinare il lettore a continuare  nella lettura.
Infine, la cover è decisamente appropriata, perché mi fa pensare all'animo umano che molte volte può essere arido, decisamente non attraente o senza più niente da offrire, ma la luce, se riusciamo a coglierla, può sempre salvarci.

L'AUTORE:
Massimo Junior D'Auria nasce il 06/11/1989 a Napoli,ma risiede da diversi anni a Casavatore (NA).
Frequenta l’università Federico II di Napoli, nella fattispecie la facoltà di Lettere Moderne.
I suoi racconti sono stati pubblicati in diverse antologie tra cui, quelle:
Giulio Perrone Editore (ira, superbia, accidia nella serie dei sette vizi capitali); 9muse.net (Amore 2.0 – amori liquidi e ipertecnologici); Delos Books (365 racconti erotici per un anno, 365 racconti sulla fine del mondo – di prossima pubblicazione). Ha pubblicato oltre a Dissonanze; La vita degli altri(2009, Arduino Sacco Editore); Nero n.9(2010, Sogno edizioni).  E' stato inoltre curatore della selezione editoriale Nerinchiostro,la prima antologia targata Sogno edizioni,ed è curatore della collana "Orbite Nere" per conto della Sogno edizioni.

2 commenti: