martedì 27 marzo 2012

Recensione "7 il numero maledetto" di Barnabas Miller e Jordan Orlando


Autori: Barnabas Miller e Jordan Orlando
Casa editrice: Newton Compton
Collana: Vertigo
Pagine: 312
Prezzo: 9.90
TRAMA
Mary Shayne desiderava che il suo diciassettesimo compleanno fosse speciale, un evento da ricordare, ma di certo non immaginava che si sarebbe svegliata nuda, nel letto di un negozio di mobili, con i postumi di una terribile e inspiegabile sbronza. E la giornata prosegue nel peggiore dei modi: a scuola nessuno le fa gli auguri, né le sue migliori amiche, Amy e Joon, né il suo ragazzo, Trick, che anzi la lascia. Con il trascorrere delle ore, Mary si convince sempre di più che qualcuno sta tramando contro di lei, e i fatti le danno ragione: prima della fine della giornata viene uccisa a sangue freddo. 
Ma la morte non è che l’inizio di una nuova odissea. Mary si ritrova intrappolata in uno strano limbo, costretta a rivivere il giorno della propria morte attraverso gli occhi delle sette persone che le erano più vicine, ognuna delle quali – scoprirà con sgomento – aveva più di una ragione per odiarla. Ma chi di loro l’ha uccisa? E perché? Per scoprirlo e cercare di cambiare il corso degli eventi, Mary dovrà fare i conti con i dolorosi misteri e gli inconfessabili segreti che si nascondono sotto la patina dorata del suo mondo perfetto.

RECENSIONE:
Sono stata completamente risucchiata da questo romanzo giallo, che mi ha tenuta sulle spine fino all'ultima pagina.
La cover è molto bella: i drappeggi bianchi e il color fucsia all'interno si adattano benissimo al mondo che circonda Mary e trasmette l'angoscia della nostra protagonista, che sembra che stia chiedendo pietà.
Ho deciso di leggere questo libro perché la trama m'intrigava e perché volevo scoprire quale maledizione si celasse dietro al numero 7.
La vicenda si svolge il giorno del 17° compleanno di Mary: ella pensa che come tutti gli anni venga venerata dai suoi amici, perché è la star della scuola, la più bella e la più inafferabile.
Pensa di svegliarsi e trovare il telefono intasato di messaggini e di passare fino a sera una stupenda giornata.
Tutto ciò non si avvererà!
Mary si risveglia in un letto d'esposizione, nuda, intontita e con dei graffi sulla schiena.
La sua testa pulsa e anche se si sforza di ricordare il motivo per cui si trova lì, tutto ciò che ne ricava è un enorme lapsus successivo alla cena fatta con sua madre e la sorella Ellen.
La giornata continua nei peggiori dei modi, perché sembra che nessuno si ricordi del suo compleanno e che tutti ce l'abbiano con lei.  Ma perché?
La "meravigliosa" giornata si conclude con la sua morte.
Il libro è coinvolgente, perché dopo averti messo al corrente della situazione, della giornata trascorsa da Mary, comincia a farti rivivere alcuni momenti della giornata dal punto di vista di  7 persone e quindi (almeno io) mi sono calata nei panni della detective e ho cominciato ad indagare attraverso gli indizi che mi venivano dati.
Fino alle ultime pagine sarà difficile essere certi di aver scoperto l'assassino di Mary e appena si penserà di aver scoperto il colpevole bisognerà ricredersi di nuovo.
Mi è piaciuto lo stile degli autori e la scelta di concentrarsi soprattutto sui personaggi, perché in questo caso è giusto così.
Un'indagine a tutto campo, piena d'azione, che farà scendere anche qualche lacrimuccia.

Per rimanere sempre aggiornati sulle novità della casa editrice Newton Compton, potete seguirla su Facebook:   Newton Compton editori e su Twitter: @NewtonCompton

2 commenti:

  1. Io lo aspettavo ai primi di marzo, ma non so come mai non è più arrivato :( ucciderò il corriere, anche perché dopo aver letto la tua recensione ho ancora più voglia di leggerlo!

    RispondiElimina
  2. eh,questi corrieri che ci fanno impazzire hihi.
    E' veramente da leggere Rory e se lo leggerai poi fammi sapere la tua opinione :)

    RispondiElimina