martedì 29 novembre 2016

Recensione "Dreamology" di Lucy Keating


Titolo: "Dreamology"
Autrice: Lucy Keating
Casa editrice: Newton Compton
Pagine: 288
Prezzo: 9,90 - ebook: 2,99
Clicca qui per acquistare Dreamology
TRAMA 
Per quanto Alice può riuscire a ricordare, Max è sempre stato parte integrante dei suoi sogni. Insieme hanno girato il mondo, vissuto esperienze straordinarie e si sono innamorati alla follia. Max è il ragazzo perfetto… Peccato che non sia reale. Perché Max non esiste. O almeno, così ha sempre pensato Alice. Fin quando entra nella sua nuova classe, il primo giorno di scuola, e… non riesce a credere ai suoi occhi: il suo Max è lì, davanti a lei, in carne e ossa. Ben presto però dovrà fare i conti col fatto che il Max reale è molto diverso dal Max dei sogni. Il Max reale è testardo e problematico, ha una vita complicata e intensa, di cui Alice non fa parte, nonché una ragazza, Celeste. Anche il loro incontro e il loro rapporto non sono così perfetti come lei aveva sperato. Quando si è vissuto un amore da sogno, ci si potrà mai accontentare della realtà?

RECENSIONE 
La cover scelta dalla Newton Compton supera di gran lunga l'originale per l'immagine, per le tonalità di blu che mi piacciono molto per non parlare poi della neve che io adoro.
La scrittrice ha creato una storia dove sogno e realtà si alternano raccontati dalla protagonista. I sogni proprio come nella realtà sono surreali e mescolano anche elementi della vita di Alice ma in questo caso non sono particolari solo i suoi sogni ma anche la realtà che risulta spesso stravagante per la presenza di personaggi fuori dall'ordinario.
Alice si trasferisce nell'enorme casa della nonna insieme a suo padre e al cane Jerry e il primo giorno nella nuova scuola incontra il ragazzo che sogna ogni notte fin da quando era piccola, Max. Il ragazzo però non sembra essere come nei suoi sogni e il perché si scoprirà più avanti. Oltre a Max la protagonista conoscerà Oliver, un tempo il migliore amico di Max, a cui non piace prendere la vita troppo sul serio e che cerca di attirare l'attenzione dei suoi genitori che non sono mai presenti, Celeste, la ragazza di Max, e rimarrà in contatto con la sua migliore amica Sophie.
I sogni sono per Alice un rifugio dalla realtà, le fanno dimenticare il dolore per la mamma che non vede da 10 anni, le fanno vivere esperienze uniche e la fanno stare con il suo Max. Alice vive nei sogni, non pensa neanche al proprio futuro a differenza di Max che ha aperto ormai gli occhi e vive nel presente.
L'idea di base mi è piaciuta, il fatto che il sogno entri nella realtà e a un certo punto prenda anche il sopravvento, che ci si addentri nella natura dei sogni, che venga spiegato il legame tra Alice e Max ma poi ho trovato Alice noiosa, monotona, sempre fissa a parlare di Max per tutto il libro, Max che non mi ha coinvolto più di tanto e la causa e la soluzione a questi sogni non approfondite. Gli unici personaggi che mi sono piaciuti sono stati Oliver che mi ha fatto sorridere e Sophie che mi è stata subito simpatica per la sua divertente personalità. Un'altra cosa che mi è piaciuta è il messaggio dell'autrice: va bene sognare anche ad occhi aperti ma non si può rimanere solo in quella dimensione, perché c'è un mondo intorno a noi da prendere in mano.
Purtroppo gli assegno solo due stelle e 1/2, un grande potenziale sviluppato male.


1/2


L'AUTRICE 
 
Vive a Los Angeles, anche se è cresciuta a Boston, nel Massachusetts. Ha frequentato il Williams College nel Berkshires, e le manca molto la costa orientale degli Stati Uniti. Quando non scrive ama rilassarsi ascoltando musica, inventando nuovi gusti di gelato o intrattenendosi in lunghe e del tutto plausibili conversazioni con il suo cane, Ernie.

 
 

lunedì 28 novembre 2016

"In libreria e in arrivo"

Buongiorno,
oggi vi scrivo col pc di mia sorella perché il mio "grazie" a un aggiornamento obbligatorio di Windows è andato KO qualche giorno fa 😤
Nei prossimi giorni spero di pubblicare due recensioni ma oggi invece vi parlo di alcuni libri che spero susciteranno il vostro interesse 😊


Titolo: "Dirsi addio fino a domani"
Autrice: Giusy Vitale
Casa editrice: Rizzoli
Mood: Emozionante
Prezzo ebook: 2,99
Clicca qui per acquistare Dirsi addio fino a domani (Youfeel): L'amore è per i coraggiosi
TRAMA 

Alessia ha ventiquattro anni e, grazie all’aiuto dello zio, viene assunta in un piccolo ristorante nel centro di Napoli. Per lei si tratta del primo lavoro, con tutte le ansie e le difficoltà del caso. Ma ciò che la ragazza non sa è che nel ristorante, a rendere ancora più complicata la situazione, troverà Alessandro, il ragazzo che quattro anni prima le ha spezzato il cuore, lasciandole una cicatrice che ancora non si è rimarginata. A cosa porterà questa vicinanza forzata?
“Dirsi addio fino a domani” è la storia di un amore impossibile ma travolgente, il racconto
di due cuori che continuano a cercarsi instancabilmente e che lottano per tornare – finalmente – a battere all’unisono.

E tu, rinunceresti a leggere per sopravvivere?



Titolo: "Vietato leggere all'inferno"
Autore: Roberto Gerilli
Casa editrice: Speechless Books
Pagine: 412
Prezzo: 15,90 - ebook: gratis
Clicca qui per acquistare Vietato Leggere all'Inferno
TRAMA 

Mi chiamo Amleto Orciani e sono un libromane. Ho trentacinque anni e mi faccio dall’età di dodici, quando la lettura era ancora legale. Ho iniziato per scherzo con L’isola del tesoro e non ho più smesso. Leggere è la prima cosa a cui penso quando mi sveglio e l’ultima prima di andare a dormire. Sono talmente assuefatto da conoscere il significato di parole come paradosso, pennivendolo e opulenza. Insomma, uno sniffa-inchiostro senza speranza. Vivo vicino ad Ancona, lavoro come inserviente in un discount di bricolage e arrotondo spacciando romanzi alla gente della zona. La mia vita non è un granché, ma mi ci trovo. Il problema è che vorrei avere più soldi, per questo accetto di aiutare Eleonora. La ragazza è brava, ma così folle da voler cambiare il mondo dell’editoria da sola. Per seguirla mi tocca coinvolgere amici discutibili e incontrare gente che preferirebbe vedermi morto (il Bibliotecario ti dice niente?). Meno male che ho dalla mia Caterina, una camgirl con un secondo lavoro ancora meno presentabile del primo, però non sono sicuro mi possa salvare il culo, stavolta. Se ne esco vivo, giuro che smetto di leggere. Forse. Vietato leggere all’inferno racconta la mia storia. Non insegna qualcosa che vale la pena conoscere, non ci sono buoni sentimenti o altre cazzate ma per sballarsi con gli amici è perfetto. Provalo, e fammi sapere se funziona. 
Accompagnato dalla prefazione di Giovanni Arduino, Vietato leggere all'inferno è un thriller pulp a sfondo distopico che si cala nella cultura trash contemporanea, riprendendo lo stile ironico e disincantato del moderno noir americano. In un mondo in cui i libri sono vietati e la cultura fa male, le uniche alternative a una vita da fuorilegge sono la resa o la ribellione.
 

 Noria è sicuramente una eroina romantica. La sua storia
avrebbe potuto davvero ispirare un balletto di grande
intensità, come quelli che ho interpretato nella mia carriera.
 (Carla Fracci)

Titolo: "Avventure semiserie delle mie gambe"
Autrice: Noria Nalli
Casa editrice: Golem Edizioni
Pagine: 144
Prezzo: 12,00
In arrivo: 7 dicembre
Clicca qui per prenotare Avventure semiserie delle mie gambe
 TRAMA 
Voglio cominciare, se non proprio ad amare, almeno a stimare le mie gambe, dando loro
importanza. Visto che il mio lavoro è scrivere, potrei partire nella mia impresa di rivalutazione
dedicando alle gambe ciò che compongo. Penserò a degli acrostici su di loro, ma non credo
possa bastare, farò di più: ho deciso di metterle al centro delle mie narrazioni.
Quindi, se siete d’accordo con me, vi proporrei le stralunate e sincere
Avventure semiserie delle mie gambe!


Un viaggio tra il serio e lo scanzonato nelle esperienze fisiche, sensoriali ed emotive dell’autrice,
soprattutto in riferimento a un aspetto particolare del suo corpo… Un percorso “sgambettante”
nei ricordi, da una piccola aspirante ballerina a una studentessa che sogna Fame, fino alla
Noria di oggi, giornalista, scrittrice e blogger brillante e trasgressiva su Sclerotica.
I pensieri liberi e variopinti di una donna autoironica e affetta da sclerosi multipla, tra picchi
di umorismo e profondità inimmaginabili.
Con prefazione di Carla Fracci, postfazione di Erica Brindisi e disegni di Roberto Porcella.


 Risultati immagini per tutto in una notte silvia casini
  Un fantasy in perfetto stile paranormal thriller.

Titolo: "Tutto in una notte"
Autrice: Silvia Casini
Casa editrice: Libromania
Pagine: 281
Prezzo ebook: 0,99 prezzo di lancio
 Clicca qui per acquistare Tutto in una notte
TRAMA 

Maya si risveglia in una stanza d'ospedale. Non ricorda nulla di quello che le è successo nelle ore o nei giorni precedenti, ha perso completamente la cognizione del tempo e dello spazio. Non ricorda nulla neanche di quella maledetta notte e della gita nei dintorni di Sligo, Irlanda, durante la quale sono morti tutti i suoi compagni d’avventura. Per aiutarla a superare il trauma di quella notizia sconvolgente, i genitori decidono di farle cambiare vita trasferendosi a New York. Cosa è successo quella notte? Cosa significano quelle visioni incomprensibili? Perché il ricordo continua a perseguitarla anche a chilometri e a mesi di distanza?


Titolo: "Vagabolario. Viaggio miniato tra le leggende dei piccoli popoli delle isole linguistiche d'Italia"
Autore: Francesco Severini
Casa editrice: Prospettiva Editrice
Pagine: 264
Prezzo: 15,00
Clicca qui per acquistare Vagabolario. Viaggio miniato tra le leggende dei piccoli popoli delle isole linguistiche d'Italia
TRAMA 
Il progetto Vagabolario nasce con l'intento di rendere plausibile il nesso tra la parola e l'immagine, il legame che scaturisce da vincoli intimi e giocosi mediante i quali è possibile dare ancora voce cristallina alla narrazione. Si tratta appunto di un viaggio miniato, un viaggio per immagini vivo di racconti nel racconto, tra le leggende di quelle che sono state (in certi casi anche giuridicamente) definite isole linguistiche esistenti in varie zone d'Italia, ciascuna virtualmente inscritta entro confini regionali, il più delle volte troppo angusti e per questo limitanti. Dove variegati sono i popoli che le costituiscono e le abitano, seppure persino misconosciuti, e tuttavia forti di un'energia straordinaria; quella che attinge, coniugandoli, sapere e attenzione alla vita. Il mio lavoro di ricerca intorno alle leggende di questi piccoli popoli è diretto ad una riscoperta, in molti casi una vera e propria scoperta, dei rimandi ad una tradizione che fonda le proprie radici nel tessuto letterario dell'oralità. Il fine: restituire loro una dignità culturale capace di rimarcare, elevandola, l'identità peculiare di ciascuno di essi. Ventuno, dunque, i popoli, tanti quanti le lettere dell'alfabeto italiano. Di qui l'idea di altrettanti capolettera da rendere quali miniature di un singolare vocabolario, il mio personale Vagabolario, appunto: una sorta di breviario laico che attraverso un ordine ben noto, dalla A alla Z, scandisca il tempo della narrazione.

Scusate per gli spazi errati ma è un problema di Blogger 😑

 
 

martedì 22 novembre 2016

Recensione "La mia signora" di Karen Waves


Titolo: "La mia signora"
Autrice: Karen Waves
Editore: Self Publishing
Pagine: 90 circa
Prezzo: 1,99 €
Clicca qui per acquistare La mia signora: L'amore non è sempre tenero
TRAMA 
Chiama il mio nome con dolcezza, ma potrebbe essere quello di chiunque altra.”
Matilda ha solo diciassette anni quando è costretta dal padre a sposare un cavaliere di cui non conosce né volto né nome. Sa di non avere scelta, perché è una donna e di nobile casato, ma mentre viaggia a bordo del carro che la conduce alla nuova dimora decide che gli resisterà il più a lungo possibile.
Per Corrado il matrimonio è la ricompensa per i servizi resi al suo signore Ademaro delle Querce. Grazie alla dote riuscirà a bonificare la palude, ricostruire il ponte e, forse, potrà permettersi un nuovo destriero. Da ragazzo immaginava di sposare una fanciulla di cui poter sognare durante il fidanzamento, non una sconosciuta, e quando vede la figlia degli Zecca per la prima volta vorrebbe che fosse come la dama di un poema cavalleresco, innocente e bisognosa della sua protezione.
Invece Matilda, anche se giovane, è selvatica e combattiva, e non ha alcuna intenzione di cedere alle lusinghe del marito senza combattere.
Sopravvivranno i due giovani sposi all’attrazione violenta che provano senza esserne consumati? E tra ansie roventi e sogni infranti, lo strano sentimento che li unisce potrà mai diventare amore?

RECENSIONE
Non amo particolarmente il genere storico ma in questo caso ho deciso di tentare la lettura perché a scriverlo è l'autrice Karen Waves di cui ho letto e amato le precedenti opere, mi sono quindi fidata e ho fatto bene perché quasi subito mi sono appassionata alle vicende di Corrado e Matilda.
L'autrice da una serie ambientata ai giorni nostri vira verso il Medioevo e ci narra con un romanzo breve l'unione tra un cavaliere e una nobildonna che non si conoscono.
I primi pensieri dolci, da poema, di Corrado mentre pensa alla sua futura sposa e nel momento in cui la conosce mi hanno fatto ritornare alla mente il fantastico Romeo di Romeo e Giulietta e per questo mi ero immaginata un carattere mite, romantico, al servizio completo della sua signora ma alla prima notte di nozze mi ha spiazzata rivelando passione, comando e rivendicando il suo essere marito alternando questi lati così diversi fino alla fine della storia... ci ho pensato fino a ora ma ancora non riesco a decidere se il secondo lato mi piaccia fino in fondo.
Il personaggio di Matilda invece è il mio preferito, da silenziosa e apparentemente timida si rivela essere una gran donna che non cede subito al suo signore. Una ragazza di 17 anni che ha vissuto con un padre non proprio da ammirare ma per lei l'esempio di uomo e con idee da incubo sulla prima notte di nozze e con queste convinzioni, paure e dubbi arriva da Corrado ma invece di farsi vedere spaventata metterà una maschera aggressiva e tirerà fuori una lingua tagliente, cercherà di dimostrare quanto vale, di essere all'altezza, si farà rispettare, saprà rimettere al suo posto chi se lo merita e imparerà a conoscere il popolo e ad aiutarlo al meglio. Mi è piaciuta anche la sua complicità con Maria, la sua serva, che tratta spesso come un'amica.
L'autrice parla di sentimenti e li fa provare, inserisce scene passionali, ricrea lo scenario dell'epoca senza orpelli, facendomi conoscere la vita di una volta e parla la lingua del tempo che richiede a volte più attenzioni ma non appesantisce la lettura.
Sono stata curiosa  di vedere cosa sarebbe successo tra due caratteri forti, come si sarebbe comportata Matilda lasciata sola a gestire una terra mentre Corrado andava in guerra e sono rimasta incantata dai momenti di dolcezza di lui che mi hanno ricordato Won-ho, personaggio della serie di Karen Waves, quando prova a fare il romantico con Valentina e puntualmente viene smontato da lei.
Karen ha colpito ancora, anche in questo genere riesce a emozionare il lettore.



L'AUTRICE 
Karen Waves è nata a Vicenza, ma vive a Padova dove studia lingue moderne all’Università. Scrivere è sempre stata la sua passione. Oltre a La mia signora ha pubblicato Le cesoie di Busan, Bad Girl e Il titolista di Bassano.

venerdì 18 novembre 2016

Recensione "Il nido" di Kenneth Oppel


Titolo: "Il nido"
Autore: Kenneth Oppel
Casa editrice: Rizzoli
Pagine: 256
Prezzo: 16,00
Clicca qui per acquistare Il nido
TRAMA 
“La prima volta che le ho viste, ho creduto che fossero angeli. Cos’altro potevano essere, con quelle loro ali chiare, leggere e sottili come garze, e la luce che le ammantava?”E poi, Steve, che a dodici anni si trascina dall’infanzia paure ancestrali, di angeli sente di averne un gran bisogno: il piccolo, il fratellino appena nato, ha qualcosa che non va, e il terrore del peggio sta logorando in fretta tutta la famiglia. E così, quando strane creature luminose iniziano a visitare i suoi sogni, spiegandogli di essere venute per aiutare il piccolo, Steve fa quello che faremmo tutti: accetta la loro proposta. Ma le creature non sono affatto angeli, e quando Steve lo scopre, il confine tra gli incubi e la realtà non è così impenetrabile come gli adulti intorno a lui sostengono. E lui è l’unico che può fare qualcosa.  

RECENSIONE 
Sono stata colpita immediatamente dalla cover per la sua illustrazione e solo successivamente dalla trama. 
Il protagonista Steve ci racconta in prima persona le preoccupazioni dei suoi genitori per il fratellino appena nato, la sua quotidianità, le sue paure e i suoi incubi. Steve ha paura dei germi, ha bisogno di ripetere dei gesti per stare tranquillo, ha paura che un mostro lo afferri durante la notte e ha paura delle vespe. Queste paure gli provocano degli attacchi di panico.
Un giorno una strana vespa lo punge e da quel momento ogni notte sogna strane creature luminose che gli promettono di salvare il fratellino ma quando arriva a scoprire come vogliono aiutarlo capisce che non sono buone e che l'unico che può fermarle è lui.
I sogni del protagonista sono così vividi e sembrano avverarsi anche nella realtà tanto che fino alla fine non sono riuscita a capire se fosse tutto frutto della sua immaginazione.
Leggendo questo libro non ho provato la paura che può venire di fronte a qualcosa di ignoto e maligno ma quella legata agli insetti, quelli pericolosi, che possono farti male ma anche una sorta di disgusto per alcune descrizioni e malessere per come si sente Steve, per le sue fobie, perché si sente solo e incompreso.
E' un libro che si legge velocemente perché ha un carattere grande ma che non scorre molto nella prima parte perché non ha eventi così appassionanti mentre poi diventa più scorrevole e interessante dal momento in cui Steve prende in mano la situazione.
Mi sono piaciute le illustrazioni in bianco e nero, soprattutto la scelta di aggiungere una vespa in più all'inizio di ogni capitolo, la capacità dell'autore di suscitare emozioni e sensazioni e la sorta di percorso alla base di questa storia per superare le proprie paure, un percorso raccontato con una vicenda molto particolare, fantasiosa, originale e un pizzico istruttiva, perché introduce la vita e le usanze delle vespe.
A questo libro assegno 3 stelle e 1/2 a causa della lentezza di tutta la prima parte.

 
1/2

L'AUTORE 
Kenneth Oppel è nato a Porto Alberni, sull’Isola di Vancouver, nel 1967. Il nido è uno dei pochi titoli ad aver raccolto una menzione speciale da tutte e sei le principali riviste letterarie americane, e ad essere stato selezionato tra i migliori libri per ragazzi dall'Associazione dei Bibliotecari americani. Kenneth Oppel vive e lavora a Toronto, insieme alla moglie e ai figli.

mercoledì 16 novembre 2016

"La profezia di mezzanotte" - "Il Labirinto degli Spiriti" - "Le tre scelte della vita"

Buongiorno, come state?
Io sono mezza influenzata 😩  Lunedì sono andata in centro e anche se ero coperta ben bene il vento freddo mi ha fatto venire il mal di gola ma per fortuna ci pensano i libri a distrarmi. Oggi ve ne presento tre, un fantasy che arriverà il 29 novembre per De Agostini, l'ultimo libro dell'autore Carlos Ruiz Zafon che arriverà il 22 novembre e un libro che è stato presentato in anteprima al Salone del libro di Torino scritto dal giornalista Angelo Bottiroli che parla di due storie parallele che seguono un loro preciso percorso e si incrociano solo sporadicamente: l'analisi della società con i problemi che dobbiamo affrontare e il giornalista che vive questi problemi in prima persona e cerca una risposta.

Un fantasy incantevole. L'indimenticabile storia di due ragazze legate da una profezia antica.

Titolo: "La profezia di mezzanotte"
Autrice: Irena Brignull
Casa editrice: De Agostini
Pagine: 480
Prezzo: 15,90
Clicca qui per prenotare La profezia di mezzanotte
TRAMA 
Per quattordici, lunghi anni Poppy Hopper ha cercato di ingannare tutti, persino se stessa. Ha finto di essere una ragazza come tante, mentre i gatti la seguivano ovunque, i ragni tessevano tele complicate intorno a lei e gli elementi della natura sembravano rispondere al suo volere. Anche Ember Hawkweed ha sempre fatto di tutto pur di sentirsi normale: una normalissima strega come le altre. Ma se le sue amiche eccellevano nelle arti magiche, creando pozioni e incantesimi, lei riusciva solo a preparare unguenti e bolle di sapone. Quando Poppy ed Ember si incontrano, però, le cose cambiano. Le due ragazze capiscono subito di essere più simili di quanto avrebbero mai potuto immaginare. Entrambe sanno di non appartenere al mondo in cui vivono, ed entrambe vogliono scoprire la verità. Chi sono realmente? Quale legame misterioso le unisce? Insieme, Poppy ed Ember sono pronte a qualsiasi cosa pur di trovare le risposte che cercano. Anche ad affrontare una pericolosa profezia che affonda le radici nella notte dei tempi.



Titolo: "Il Labirinto degli Spiriti"
Autore: Carlos Ruiz Zafon
Casa editrice: Mondadori
Pagine: 832
Prezzo: 23,00 - ebook: 10,99
Clicca qui per prenotare Il Labirinto degli Spiriti
TRAMA 
Barcellona, fine anni '50. Daniel Sempere non è più il ragazzino che abbiamo conosciuto tra i cunicoli del Cimitero dei Libri Dimenticati, alla scoperta del volume che gli avrebbe cambiato la vita. Il mistero della morte di sua madre Isabella ha aperto una voragine nella sua anima, un abisso dal quale la moglie Bea e il fedele amico Fermín stanno cercando di salvarlo. Proprio quando Daniel crede di essere arrivato a un passo dalla soluzione dell'enigma, un complotto ancora più oscuro e misterioso di quello che avrebbe potuto immaginare si estende fino a lui dalle viscere del Regime. È in quel momento che fa la sua comparsa Alicia Gris, un'anima emersa dalle ombre della guerra, per condurre Daniel al cuore delle tenebre e aiutarlo a svelare la storia segreta della sua famiglia, anche se il prezzo da pagare sarà altissimo. Dodici anni dopo L'ombra del vento, Carlos Ruiz Zafón torna con un'opera monumentale per portare a compimento la serie del Cimitero dei Libri Dimenticati. Il Labirinto degli Spiriti è un romanzo inebriante, fatto di passioni, intrighi e avventure. Attraverso queste pagine ci troveremo di nuovo a camminare per stradine lugubri avvolte nel mistero, tra la Barcellona reale e il suo rovescio, un riflesso maledetto della città. E arriveremo finalmente a scoprire il gran finale della saga, che qui raggiunge l'apice della sua intensità e al tempo stesso celebra, maestosamente, il mondo dei libri, l'arte di raccontare storie e il legame magico che si stabilisce tra la letteratura e la vita.  

  "Le tre scelte della vita" un libro che affronta i problemi della società di oggi e cerca soluzioni

Titolo: "Le tre scelte della vita"
Autore: Angelo Bottiroli
Casa editrice: Leucotea
Pagine: 240
Prezzo: 16,50
Clicca qui per acquistare Le tre scelte della vita
TRAMA 

Quanto è fragile la nostra vita e cosa possiamo fare per viverla meglio possibile?
Sono le domande che sorgono spontanee ad un giornalista quando un improvviso incidente stradale lo obbliga a fermare tutto ciò che sta facendo per dedicarsi anima e corpo all’articolo da pubblicare.
Inizia così una presa di coscienza sulla società di oggi ma anche come siamo fatti, ciò che siamo e che vorremmo essere, le nostre aspirazioni, i mezzi che abbiamo, gli imprevisti, le indecisioni, le realtà ineludibili che non possiamo evitare e con le quali dobbiamo fare i conti.
Poi c’è la solitudine, quella interiore, ma non solo; l’amore, il sesso, la ricerca dell’anima gemella, l’insoddisfazione, l’orgoglio, la fine di un rapporto e la depressione, fino alla voglia di suicidio che aleggia in alcune persone.
Infine si cerca un motivo per andare avanti con gli “strumenti” che abbiamo e formano l’ossatura del nostro vivere: la famiglia, il lavoro, la comunità, l’identità, i figli, le vacanze, l’amicizia, il senso della vita, i ricordi, Dio, la morte e molti altri.


ESTRATTO
« Il sogno di tutti i giornalisti è quello di realizzare una grande inchiesta che faccia scalpore.

Per questo motivo uno dei film-cult più apprezzati da chi fa questo mestiere da parecchi anni, è sicuramente “Tutti gli uomini del presidente” dove Dustin Hoffman e Robert Redford interpretano i due giornalisti americani del “Washington post” che, grazie alle informazioni di cui vengono in possesso, riescono a far emergere lo scandalo Watergate che porta alle dimissioni del presidente americano Richard Nixon.

Tanti cronisti sognano di essere come loro, ma la realtà, specie quella italiana, è ben diversa perché al giorno d’oggi, non solo gli scandali sono all’ordine del giorno (quindi non potrebbero avere la risonanza dell’epoca) ma, soprattutto, è impensabile che due giornalisti, da soli, riescano a realizzare una simile indagine senza che altri colleghi se ne accorgano e facciano altrettanto.

Contrariamente al passato, inoltre, le notizie hanno più rilevanza se vengono divulgate da tanti organi d’informazione, piuttosto che da uno soltanto, che verrebbe inevitabilmente emarginato. » [pag. 122]

Aspetto i vostri commenti 💖
 

martedì 15 novembre 2016

Recensione "Alla fine dipende" di Maya Bricks



Titolo: "Alla fine dipende"
Autrice: Maya Bricks
Casa editrice: Feltrinelli
Collana: ZOOM Filtri
Pagine: 51
Prezzo ebook: 1,99
Clicca qui per acquistare Alla fine dipende
TRAMA
“Cambiò tutto il giorno in cui Frattaglia, il mio gatto, si sedette non del tutto accidentalmente sui miei occhiali. A sua discolpa, Frattaglia frantuma più o meno qualunque cosa su cui si siede. Ed è con quel piccolo incidente domestico che la mia vita ha fatto un doppio salto carpiato.”
Può un nuovo paio di occhiali cambiare per sempre la vita di una ragazza semplice e pasticciona come Vivi? Sarà che ci vede meglio, ma all'improvviso i difetti del suo compagno si stagliano evidentissimi, insopportabili, il suo Digrignante Capo ascolta quello che ha da dire - e dall'altro capo del cubicolo La Belva, il suo compagno di disavventure lavorative, appare un po' meno acido. E sì, anche un poco più carino.

RECENSIONE 
Vivi, 30 anni, è fidanzata dall'età di 17 anni con Damiano, un patito dei videogiochi. E' una ragazza accomodante, non sa rispondere a tono ai colleghi che la prendono in giro e che non la prendono sul serio e crede che le cose tra lei e il fidanzato vadano bene così ma per fortuna, perché in questo caso è una fortuna, il suo gattone Frattaglia le rompe gli occhiali facendo venire la brillante idea a Damiano di farle la proposta di matrimonio con un bellissimo paio di occhiali nuovi dalla montatura nera. Indossare questi occhiali le faranno vedere le cose in modo nitido in tutti i sensi e le stravolgeranno la vita. Non sono occhiali magici ma le permetteranno di mettere a fuoco la sua vita e apportare un cambiamento radicale.
Mi sono piaciuti tutti i personaggi, a parte Damiano che è il solito uomo che dà per scontato tante cose e che dopo anni di fidanzamento si adagia sugli allori. Mi è piaciuta Vivi e il suo cambiamento, la sua amica Maya dal carattere deciso, Alex che è il collega della protagonista che si diverte a stuzzicarla ma che è sempre lì per lei e il mitico Frattaglia, gatto con un grande fiuto per le giuste decisioni.
Un racconto breve narrato in prima persona da Vivi dal ritmo veloce e spumeggiante. Un piccolo libro con un grande messaggio: non facciamoci calpestare, vogliamoci bene e circondiamoci di ciò che ci fa felici.

 
L'AUTRICE 
Maya Bricks 
Maya Bricks è nata a Milano da genitori olandesi, ma è emigrata in un paesino del basso bergamasco in età preadolescenziale. A causa del lavoro del padre ha vissuto a Londra molti anni, per poi rientrare in Italia al divorzio dei suoi genitori. Oggi vive in un luogo riservato con il suo gatto - di cui non sarà menzionato il nome per il diritto alla privacy -, scrive di cucina per alcune testate online e, soprattutto, colleziona mattoni. 

mercoledì 9 novembre 2016

Recensione "Una presenza in quella casa" di Paige McKenzie

Mentre sto per sprofondare nel sonno, in quella fase in cui sei più addormentato che sveglio, sento ancora qualcosa. Una frase pronunciata dalla voce di una bambina, poco più di un sussurro: 'Notte, notte.

Titolo: "Una presenza in quella casa"
Autrice: Paige McKenzie
Casa editrice: Giunti
Pagine: 304
Prezzo: 16,00 - ebook: 6,99
Clicca qui per acquistare Una presenza in quella casa
TRAMA 
Nella nuova casa di Sunshine – questo il soprannome della ragazza – si avverte qualcosa di inquietante: oggetti che si spostano, risatine nel cuore della notte, ombre misteriose nelle foto che scatta... La madre adottiva, con cui Sunshine ha un rapporto aperto e affettuoso, insiste nel dire che è tutto frutto di immaginazione e comincia a comportarsi in modo sempre più incomprensibile. C'è solo una persona che dà credito ai timori di Sunshine: Nolan, un compagno di liceo che condivide la sua passione per la fotografia ed è disposto ad affiancarla per studiare i vecchi casi di cronaca nel tentativo di capire cosa stia davvero succedendo. La tensione sale inarrestabile e le cose peggiorano quando le risatine si trasformano in urla e singhiozzi. Cosa nasconde quella casa? Sunshine è in preda al terrore, ma deve farsi forte se vuole salvare la madre da una sorte peggiore della morte.

RECENSIONE 
Di Una presenza in quella casa, primo libro di una trilogia, mi ha attirata fin da subito il titolo perché amo le storie che parlano di fantasmi e tutto ciò che riguarda il paranormale. Speravo in una storia spaventosa, come può essere un film horror, ma mi ha comunque inquietata, all'inizio perché la descrizione della casa è suggestiva, poi i primi fenomeni strani (risatine, passi, la voce della bimba, oggetti che si spostano e versi agghiaccianti che mi farebbero scappare di corsa) e infine tutte le scene in cui la mamma si comporta in modo strano, due in particolare mi hanno colpito particolarmente.
La protagonista Sunshine dall'assolato Texas si trasferisce a Ridgemont, una cittadina grigia e fredda nello stato di Washington, dopo aver compiuto 16 anni. Sunshine ama i vestiti vintage, si distingue dalla massa, non dice bugie e ha un bellissimo rapporto con la madre adottiva ma dopo essere entrata in quella casa dovrà cominciare a dire le bugie e il suo rapporto con la madre rischierà di andare in frantumi. Per fortuna nella nuova scuola all'ora di arte dove a insegnare è una prof molto strana che sembra essere attirata dalle cose cupe e tristi incontra Nolan, un ragazzo molto simile a lei che l'aiuterà moltissimo in questa vicenda e che saprà mantenere il controllo e il sangue freddo. Sunshine accanto a lui si sente protetta ma allo stesso tempo accusa dei disturbi fisici e bisognerà capire se sono dovuti alla sua totale mancanza di esperienza con i ragazzi o se la causa è un'altra.
La storia è raccontata in prima persona da Sunshine e da una persona che la osserva fin dal suo compleanno di cui si conosce l'identità solo alla fine.
E' stato interessante scoprire i diversi tipi di demoni e come possono essere sconfitti, anche se sono argomenti che vengono solo accennati perché sono sicura che avranno uno spazio maggiore nel secondo libro mentre non mi è piaciuto che venissero ripetute delle descrizioni legate a Sunshine.
Uno young adult che mi ha fatto ricordare Ghost Whisperer e Anna vestita di sangue e di cui spero saranno mantenute tutte le caratteristiche per il film horror in uscita prossimamente.


L'AUTRICE 
 
Paige McKenzie, giovanissima regina di YouTube, ha fatto parlare di sé la stampa internazionale, dal New York Times, al Corriere della Sera e l’Espresso. Tutto comincia nel 2010, quando la sedicenne simpatica e carina posta su YouTube un brevissimo filmato: «Ragazzi, so che vi sembrerà strano» e confessa il sospetto che la casa in cui si è appena trasferita con la madre sia infestata dai fantasmi. La madre non le crede e lei decide di documentare il fenomeno scattando foto. Nel giro di pochi anni la serie di brevi filmati che la vedono protagonista diventa uno straordinario successo, con 150 milioni di visualizzazioni e oltre 500.000 follower su YouTube, Instagram, Twitter, Facebook. Il romanzo, scritto a quattro mani con l’autrice Alyssa Sheinmel, è il secondo di una trilogia che dona profondità al racconto che ha stregato così tanti seguaci. Presto verrà prodotta anche una serie televisiva, mentre il primo romanzo della trilogia, Una presenza in quella casa, è entrato nella classifica bestseller del New York Times.